domenica 1 luglio 2018

Informazioni per chiedere il Passaporto, come e quando


Ecco le informazioni pratiche per richiedere il Passaporto. Cosa serve, quanto tempo e dove andare.

Richiedere il passaporto è molto semplice. Basta recarsi in questura, commissariato o stazione dei Carabinieri, o nelle rappresentanze consolari e diplomatiche se all'estero, con tutta la documentazione necessaria. E attendere dai 7 giorni al mese di tempo. Nel nostro caso è stato rilasciato dopo 3 settimane. Il Passaporto per i maggiorenni ha una durata di 10 anni. La recente novità è che alla scadenza del periodo di validità il documento non si rinnova automaticamente. Ciò implica la nuova emissione dello stesso. Il passaporto viene rilasciato da tutte le questure presenti sul territorio nazionale. All'estero bisogna invece rivolgersi alle rappresentanze diplomatiche e consolari.

La procedura. C'è la possibilità di fissare un appuntamento contattando il Sito di agenda Passaporto, e richiederlo direttamente on-line. Fissando un appuntamento con la Polizia di Stato. Tenendo comunque presente che bisognerà comunque andare sul posto di persona per le impronte digitali. Questi adempimenti vanno compiuti nel proprio Commissariato di competenza. La Polizia di Stato avverte infatti che “chi intende richiedere il passaporto presso il luogo di domicilio e non presso quello di residenza, deve tenere presente che per effettuare correttamente i controlli previsti dalla legge ci sono alcune condizioni"
In alcuni casi c'è la possibilità di richiedere il documento anche fuori dalla propria provincia. Ma i tempi potrebbero dilungarsi, vista la necessità di richiedere un nulla osta.

Documenti necessari. Per poter procedere con la richiesta del passaporto serve il modulo stampato della richiesta, un documento di riconoscimento valido in originale e in fotocopia, due foto formato tessera identiche e recenti con sfondo bianco, una marca da bollo da 73,50 euro e la ricevuta del pagamento di 42,50 euro (per il passaporto ordinario). Come previsto da una circolare del ministero dell'Interno del 2010, tale ultimo versamento va effettuato via bollettino di conto corrente intestato al Ministero dell'Economia e delle Finanze - Dipartimento del tesoro, con causale "importo per il rilascio del passaporto elettronico". I cittadini italiani all'estero che devono richiedere il documento, come spiegato sul sito del Ministero degli Affari Esteri, devono sottoscrivere e consegnare anche un foglio su carta intestata contenente una informativa di garanzia sul trattamento dei dati personali concordata con l'ufficio del Garante sulla riservatezza dei dati personali e con lo stesso ministero.

Minorenni. Nel caso di figli minori di 18 anni è necessario l'assenso anche di entrambi i genitori. Ciò indipendentemente dal fatto che si sia coniugati, conviventi, separati, divorziati o genitori naturali. L'altro genitore deve firmare la dichiarazione d'assenso davanti al pubblico ufficiale (che autentica la sottoscrizione) presso l'ufficio in cui si presenta la documentazione. In mancanza di tale adempimento è necessario essere in possesso del nulla osta di un giudice tutelare. Queste fasi aggiuntive della procedura sono state previste a tutela degli interessi del minore. A partire dal 27 giugno 2012, inoltre, i genitori non possono più iscrivere il figlio minore sul proprio passaporto. Tutti i minorenni possono, dunque, essere dotati di passaporto individuale: la procedura prevede che le impronte siano acquisite a partire dai 12 anni d'età.

Furto o deterioramento. Può essere richiesto un nuovo passaporto anche in caso di smarrimento o furto. In tal caso, oltre alla documentazione base deve essere presentata anche la relativa denuncia. È possibile far domanda per un nuovo documento anche per deterioramento di quello ancora in corso di validità, che va comunque riconsegnato nel momento in cui si presenta la richiesta di rilascio.

Consegna e tempi. L'attesa per il rilascio, a documentazione completa consegnata, varia a seconda delle tempistiche dell'istruttoria. Si va da un minimo di 2 giorni lavorativi fino a una settimana o anche 20-30 giorni nel periodo estivo, quando la richiesta è alta. Per comprovati motivi di salute o di lavoro e qualora non sia possibile prenotare un appuntamento online in una data utile prima del viaggio, c'è la possibilità di accedere a procedure particolari di crisi. Esiste anche la possibilità di far ritirare il passaporto da un'altra persona delegata, che deve essere maggiorenne, disporre di una fotocopia di un documento del titolare del passaporto e di una delega autenticata da un notaio o da un ufficiale dell'anagrafe, scritta in carta semplice. Dal 27 ottobre 2014, infine, è stato istituito il servizio "Passaporti a domicilio", col quale al cittadino che ne fa richiesta, grazie a una convenzione con Poste Italiane, il documento emesso viene recapitato a domicilio con un costo di 8,20 euro da pagare in contrassegno al momento della consegna.






di Redazione

0 commenti:

Posta un commento